martedì 20 ottobre 2020

Di spade, mulini al vento, di morte e della vita

L'ultima cosa che mi hai lasciato papà me l'hai insegnata ora che non ci sei più... Quasi un mese senza... quasi un mese dopo... Ho iniziato a sorridere, mi sono sorpresa a ballare con mio figlio col cuore leggero e libero da ogni peso e dolore, a iniziare a piangere per poi asciugare le lacrime e continuare a vivere. 


Se chiudo gli occhi vedo le mie dita che stringevi dentro la tua grande mano con la consapevolezza che il tempo che ci restava insieme era fin troppo poco. Non è stato sempre rose e fiori tra noi due papà ma eravamo forse troppo simili ed arrabbiati con quello che non ci è mai apparso giusto e onesto del mondo... Due lottatori e sognatori che impugnavano impavidi e testardi le loro spade contro mulini al vento diversi ma coi medesimi  valori. Mi piace credere che ora tu possa leggere tutto di me, sopratutto quello che a parole non sono mai riuscita a farti comprendere... 


Mi hai insegnato che non si può e non ci si deve sentir morti quando si è ancora vivi, che anche a 92 anni  la vita va presa di petto e vissuta pienamente ed intensamente giorno dopo giorno - come facevo un tempo anche io e come ho smesso di fare - che la vita non era mai troppa e che di finirla lì su quel letto non ne avevi alcuna intenzione.


Ti prometto che smetterò di chinarmi agli eventi che arrivano uno dietro l'altro per spezzarmi, di sprecare il mio tempo a chiedermi il perché certa gente voglia vedermi crollare e fallire, smetterò di posare il mio sguardo su chi per me non ha il benché minimo valore perché sì, io non sono affatto migliore ma nessuno a questo mondo ci è "superiore" soprattutto chi vuol vederci affondare per non annegare... Che io sono la "forestiera" e oggi la forestiera vi urla che la considero la "nostra" fortuna migliore. Che di soldi non ne ho tanti ma di cose da raccontare  e tramandare ne ho a vagoni ed è tutta roba di una vita vissuta sulla mia di pelle e non il mero riflesso della vita di altri... Che le mie urla di disperazione  e dolore d'ora in poi saranno le chiassose risa di oggi e del domani. Perché di spazzatura sono state riempite le mie vesti ma non la mia anima. Che se ho dato cuore, tempo e fiducia e ho ricevuto in cambio calci non sono obbligata a restare e pagarne sempre e solo pena. 


Mi presento sono Vita: madre, compagna, figlia, zia, sorella, amica, cantante, foodwriter, Bimby Community Star, attrice, speaker radiofonica, volontaria, fotografa, grande rompicoglioni, matta, sensibile, solare, sincera, distratta, pasticciona, goffa, creativa, siciliana fino al midollo e fino all'ultimo dei respiri. Imperfetta in tutto e non in cerca di perfezione. Temprata come la mia terra forgiata dal sole, dall'acqua e dal fuoco e la tempesta che ho attraversato per arrivare fino a qui mi ha resa una donna che ancora oggi può guardarsi allo specchio senza provare nessun tipo di vergogna per il proprio essere interiore. 


Questo mi hai insegnato: la vita va vissuta ogni santo e singolo giorno senza esserne mai stanchi, sazi ed ebbri.


Questo è quello che ho imparato da me: che essere soli - in certe circostanze - è la scelta migliore. 


Che l'amore è l'amicizia vera non manca, non mancano mica papà! 


❤️ #èbellomorderelavita

Amore



2 commenti:

Ogni commento e/o richiesta di chiarimento è gradito. Per risposte veloci scrivimi sulla pagina fb poiché ricevo le notifiche. Seguitemi per altre ricette iscriviti con GOOGLE per ricevere tutti gli aggiornamenti. Grazie ❤️