martedì 12 gennaio 2021

Le parole che non ti ho detto

Le parole che non ti ho detto, quelle che non riesco a pronunciare ed i pensieri ed i sentimenti che si affollano e provo in tutti i modi a non elaborare. Poco più di tre mesi senza te mamma e quasi  quattro senza te, papà... Chi avrebbe mai pensato a tutto questo... Forse non mi stupisce che vi siate presi per mano dopo 49 anni vissuti insieme e 50 anni d'amore, forse il tuo cuore da lottatrice non ha voluto reggere a quell'assenza e probabilmente entrambi non potevate passare un Natale lontani l'uno dall'altra dopo averlo vissuto per così tanto tempo sempre insieme... Il dolore però resta a noi, quell'enorme voragine, quello squarcio dovuto alla incolmabile assenza e quel vuoto che solo grazie all'amore del mio tesoro riesco ad oltrepassare.

Mi ricordo il giorno in cui ci preparavamo per darti il nostro ultimo saluto terreno, ho voltato lo sguardo ed ho visto un letto colmo di vita, la vostra eredità ed il vostro essere in qualche modo immortali attraverso i nostri figli, e lo sai, ho sorriso perchè voi  indubbiamente eravate lì tra loro.

Perdonami mamma se non trovo le parole per dire quanto fossi una donna straordinariamente generosa ed infinitamente buona, capace di fare mille ed ancora mille altre cose come nessuna ormai, tu, la mia mamma ineguagliabile ed insostituibile. Perdonami se non sono stata e non sono una figlia perfetta ma so che puoi leggere il mio cuore e questo mi è in qualche modo di conforto affinchè tu sappia chi sono e cosa provo realmente. 

Chiudo gli occhi e vi vedo entrambi nei gesti ripetuti - che spero divengano anche i miei - vedo i vostri occhi, i vostri sorrisi e le vostre mani che ci hanno cullato, cresciuto, amato, sollevato e so, spero - deve essere così - che vi troviate in un altrove, una dimensione che forse poi così tanto lontana da noi non è e ci tenete ancora per mano...

matrimonio-mamma-e-papà

Mamma, continuerò a cercarti... tu bussami proprio come hai fatto in questo istante, ora che provo a scrivere senza schemi e senza riflettere su di te ed una stella è caduta dal mio centrotavola che nessuno ha toccato. L'ennesima stella che giunge quando meno me lo aspetto mandata dai nostri raccoglitori di stelle in cielo.


4 commenti:

  1. Mi hai commossa con questo struggente post ...dolore in cui mi riconosco ancora a distanza di 4 anni ... si rimane per sempre orfani, ma vivono in noi nei nostri cuori e tutte le nostre azioni. Ti stringo con un forte abbraccio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Giusi, mi dispiace moltissimo per la tua perdita. Ti stringo davvero fortissimo anche io ❤️

      Elimina
  2. Cara Viviana,
    leggo questo tuo post con il cuore in mano e la fatica di cercare di ricacciare indietro le lacrime perché, sebbene i nostri trascorsi famigliari siano molto diversi, vivo un momento di dolore, preoccupazione ed incertezza per la mia mamma.
    In queste tue parole leggo tutto il tuo dolore della perdita ma anche l' amore immensi per la tua mamma ed il tuo papà e soprattutto la riconoscenza di averli avuti come esempio e di essere stata frutto e spettatrice del loro lungo e bellissimo amore.
    Sono certa che tutto ciò che provavi per loro, quando avevi la fortuna di averli accanto, e che provi tuttora loro lo capissero allora e ne abbiano conferma ora.
    Ti stringo in un fortissimo abbraccio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi spiace moltissimo per il momento che stai attraversando. Spero che tua madre superi questo momento qua to prima ed in perfetta salute. Ti ringrazio per la tua vicinanza e le tue parole ed abbraccio fortissimo te e la tua mamma ❤️

      Elimina

Ogni commento e/o richiesta di chiarimento è gradito. Per risposte veloci scrivimi sulla pagina fb poiché ricevo le notifiche. Seguitemi per altre ricette iscriviti con GOOGLE per ricevere tutti gli aggiornamenti. Grazie ❤️