Come si cucinano le polpette di mucco o neonata alla catanese

Le polpette di neonata sono qualcosa di indescrivibilmente eccelso. In Sicilia lo chiamiamo “Muccu o mucco” e non si trova più con facilità come in passato, figuriamoci adesso che sono lontana anni luce dalla mia amata Catania. Dire che le adoro è dir poco, dovreste averle mangiate per sapere di cosa io stia parlando e francamente vi auguro di provarle almeno una volta nella vita anche se aimè, non vi accontentereste affatto: procurano dipendenza.

polpette-di-neonata-o-bianchetti
la ricetta delle polpette di mucco o frittelle di neonata


La lista degli ingredienti


300 g di neonata o bianchetti
1 uovo grande, per me da terra
qualche rametto di prezzemolo tritato finemente
1 cucchiaio di parmigiano o pecorino, facoltativo
1 cucchiaio raso di farina 0 o 00, all’occorrenza
sale
olio evo o per frittura

    Prepariamo insieme le polpette di neonata

    1. Mettiamo la neonata – o i bianchetti - in una ciotola e laviamo con cura..
    2. Con una forchetta lavoriamo la farina, l’uovo, il prezzemolo ed un pizzico di sale. Possiamo anche aggiungere il pecorino ed il pepe a nostro piacimento.
    3. Uniamo il composto ottenuto al pesce – qualora fosse troppo liquido uniamo un velo di farina setacciata - e facciamo scaldare l’olio extravergine d’oliva nella padella.
    4. Con un cucchiaio preleviamo le nostre polpettine e versiamole in padella in olio bollente facendole semplicemente scivolare giù.
    5. Friggiamo le nostre frittelle di neonata sino a che si saranno dorate, riponiamo su carta assorbente e serviamo tiepide o a temperatura ambiente.

    Commenti

    Post più popolari